DoLuMaMeGiVeSa
1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31
Tutti gli eventi



28 Aprile 2019
Innovat&Match 2019

Innovat&Match è il B2B dedicato a imprese, start-up, laboratori di ricerca, università e cluster che si svolgerà a Bologna il 6 e 7 giugno 2019 nell'ambito di Research to Business, il Salone Internazionale della Ricerca Industriale e delle Competenze per l’Innovazione. CNA Emilia Romagna è support office per iscriversi all’evento (iscrizioni entro il 20/5/2019)

30 Gennaio 2019
Bando Roveri

Micro e piccole imprese insediate in Zona Roveri possono accedere a contributi per aggiornamento tecnologico e innovazione di processo / prodotto

10 Luglio 2017
Confermata la collaborazione tra CNA Bologna e Unibo

Favorire la nascita di start up innovative, rafforzare la collaborazione tra Ateneo e imprese, facilitare l’inserimento nelle aziende bolognesi di stagisti provenienti dal mondo universitario. Sono questi i tre punti forti della convenzione firmata il 6 luglio 2017 dal Rettore dell’Università di Bologna Francesco Ubertini e dal Direttore Generale della Cna di Bologna Cinzia Barbieri. 

05 Giugno 2018
FOOD STORIES IN EMILIA ROMAGNA: SICUREZZA QUALITA' E PACKAGING A CONFRONTO CON L'INNOVAZIONE

In occasione dell'edizione 2018 di Research to Business, giovedì 7 giugno 2018 alle ore 10.30 CNA Emilia Romanga ha organizzato incontro di approfondimento per l'innovazione della filiera alimentare.

23 Aprile 2018
LA FILIERA 4.0 - Imprese Artigiane e PMI di fronte alla quarta rivoluzione industriale

Workshop organizzato dai Giovani Imprenditori di CNA Bologna con l’obiettivo di trasmettere alle PMI, giovani e non, consapevolezza e fiducia verso le opportunità offerte dalla rivoluzione industriale in atto. 


19 Giugno 2018
ODONTOIATRIA 4.0 - seminario di aggiornamento

Seminario organizzato dal Digital Innovation Hub di CNA Bologna per un aggiornamento, rivolto a studi medici e laboratori odontotecnici, sulle tecnologie digitali con cui efficientare i processi nel settore dentale e sugli incentivi nazionali disponibili. Iniziativa organizzata nell'ambito del progetto BOLOGNIMRESA 4.0 cofinanziato dalla CCIAA di Bologna.

05 Giugno 2018
DICAM WORKS 2018

Si terrà il 20 giugno 2018 presso la sede del DICAM una  giornata di incontro tra studenti, aziende ed enti del settore civile, chimico e ambientale per confrontarsi su trend di ricerca, esigenze formative e nuovi percorsi lavorativi.

05 Giugno 2018
Presentato Gait Tutor, il riabilitatore virtuale di mHealth Technologies

Lo scorso 12 maggio, in occasione della tavola rotonda internazionale "Rehabilitation in Parkinson's disease: current practice, technology and innovation", la startup mHealth Technologies, nata in Unibo, ha presentato il proprio riabilitatore virtuale. Un bell'esempio di collaborazione tra Unibo e le imprese di CNA Bologna.

19 Marzo 2018
Prossima call del programma BIO BASED INDUSTRIES JOINT UNDERTAKING

Segnalazione di un programma di finanziamento europeo a supporto dei progetti che aspirano a rendere la bioeconomia driver della crescita economica dell'UE. CNA Bologna e CiaoTech-gruppo PNO a supporto delle imprese che hanno progettualità che si possano candidare a tale programma.

13 Agosto 2015
Pubblicata da Il Mulino la ricerca “STORIA E FUTURO. QUALI POLITICHE REGIONALI PER REALIZZARE UNA SMART REGION”

Una ricerca dell’Assessorato alle Attività Produttive della Regione Emilia Romagna con incarico all’ Associazione Valore Lavoro di Bologna, svolta in collaborazione con CNA Bologna, sulle trasformazioni dell’economia in Emilia Romagna. Realizzata da: Vittorio Capecchi, Sergio Caserta, Angiolo Tavanti.

19 Marzo 2018
Relazioni tra PMI e UNIBO: come proseguire il percorso

Disponibili le presentazioni dei due incontri svolti a fine 2017 per presentare alcuni importanti laboratori di Unibo che svolgono ricerca su tematiche il cui sviluppo interessa le imprese bolognesi. CNA a disposizione per supportare le imprese per gli approfondimenti successivi.

12 Luglio 2016
Semplificazioni costitutive per le start up innovative

Approvati con DM del MiSE format e procedure per applicare la semplificazione per la fase costitutiva delle start up innovative.

02 Luglio 2018
Sostegno alla creazione e al consolidamento di start up Innovative

Aperto il bando regionale per erogare contributi a fondo perduto a sostegno delle startup innovative costituitesi dal 2/7/2013. 

31 Luglio 2018
TIROCINI & JOB PLACEMENT, opportunità per le imprese e modalità operative

Nel seminario del 12 settembre 2018, organizzato in collaborazione con il Settore Rapporti con le Imprese di Unibo, saranno approfondite le opportunità e le modalità per attivare tirocini o per cercare laureati con il profilo richiesto. I servizi per i tirocini e il job placement saranno illustrati anche attraverso il racconto di esperienze positive fatte da imprese e da studenti

Tutte le news
22 Settembre 2014

Regione Emilia Romagna - Bando start-up innovative 2014

La Regione Emilia Romagna si propone l'obiettivo di sostenere le spese per l'avvio e il primo investimento di nuove imprese ad elevato contenuto tecnologico, basate sulla valorizzazione economica dei risultati della ricerca, di nuovi prodotti e servizi di alta tecnologia.

Beneficiari
Possono presentare domanda le piccole imprese singole (compresi consorzi, società consortili e società cooperative) aventi sede produttiva in Emilia Romagna, costituite successivamente al 01/01/2011.

Indicativamente, le nuove iniziative imprenditoriali devono dimostrare di collocarsi nell'ambito di almeno uno dei seguenti "Campi di Applicazione":
• Salute, alimentazione,
• Energia, ambiente,
• Chimica verde,
• Mobilità sostenibile,
• Fabbrica intelligente,
• Domotica, edilizia sostenibile,
• Aerospazio,
• Servizi innovativi,
• Cultura e creatività,
• Inclusione sociale, e/o applicare almeno una delle seguenti "Tecnologie Abilitanti":
• Micro-nanotecnologie,
• Materiali avanzati,
• Microelettronica/sensoristica/fotonica
• Biotecnologie industriali,
• Tecnologie digitali.

Le imprese già beneficiarie di contributi nell'ambito del POR FESR 2007-2013 - ASSE 1 - Bando Start up Innovative annualità 2012 e 2013 non potranno presentare domanda.

Per "sede produttiva" si intende una unità locale nella quale si svolge il processo produttivo e nella quale si sostengono gli investimenti per i quali è richiesto il finanziamento.
Sono escluse le ditte individuali, ma ammesse le Srl uninominali. Per le società di persone è necessario essere in regime di contabilità ordinaria.

L'impresa dovrà possedere, al momento della presentazione della domanda, i seguenti requisiti (la verifica di tali requisiti sarà accertata tramite visura storica, del Registro delle Imprese presso la CCIAA competente per territorio, alla data di presentazione della domanda; non saranno contemplate azioni poste in essere dopo la data di presentazione della domanda per adeguare i requisiti mancanti):
• essere regolarmente costituita ed iscritta alla sezione ordinaria del registro delle imprese presso la Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura competente per territorio;
• essere attiva e non essere sottoposta a procedure di liquidazione (anche volontaria), fallimento, concordato preventivo, amministrazione controllata o altre procedure concorsuali in corso o antecedentemente la data di presentazione della domanda;
• non presentare le caratteristiche di impresa in difficoltà ai sensi del punto 10 della Comunicazione della Commissione "Orientamenti Comunitari sugli aiuti di Stato per il salvataggio e la ristrutturazione di imprese in difficoltà (2004/C 244/02);
• possedere una situazione di regolarità contributiva per quanto riguarda la correttezza nei pagamenti e negli adempimenti previdenziali, assistenziali ed assicurativi nei confronti di INPS e INAIL;
• rispettare le norme dell'ordinamento giuridico italiano in materia di prevenzione degli infortuni sui luoghi di lavoro e delle malattie professionali, della sicurezza sui luoghi di lavoro, dei contratti collettivi di lavoro e delle normative relative alla tutela dell'ambiente;
• non rientrare tra coloro che hanno ricevuto e successivamente non rimborsato o depositato in un conto bloccato gli aiuti di che sono stati individuati dalla Commissione Europea quali illegali o incompatibili (c.d. clausola "DEGGENDORF").

Per essere definita innovativa, l'impresa proponente deve presentare la seguente condizione:
• essere iscritta alla "Sezione speciale in qualità di START-UP INNOVATIVA" del registro delle imprese presso la CCIAA competente per territorio; l'impresa dovrà possedere il requisito al momento della presentazione della domanda.

Il proponente deve rispettare la seguente formula di equilibrio finanziario:
I = P + F, dove:
I = Investimenti complessivamente oggetto di contributo (costo totale del progetto);
P = Mezzi propri incrementali (es. capitale sociale, riserve, patrimonio per le società di persone etc.);
F = Finanziamento bancario specifico di durata >= 36 mesi

Spese ammissibili
Le spese ammissibili devono riguardare le seguenti tipologie:
A. Macchinari, attrezzature, impianti, hardware e software, arredi strettamente funzionali;
B. Spese di affitto e noleggio laboratori e attrezzature scientifiche (max 20% del costo totale del progetto);
C. Acquisto e brevetti, licenze e/o software da fonti esterne;
D. Spese di costituzione (max 2.000 euro);
E. Spese promozionali anche per partecipazione a fiere ed eventi (max 25.000);
F. Consulenze esterne specialistiche non relative all'ordinaria amministrazione.

Ai fini del riconoscimento della loro ammissibilità, le spese dovranno essere sostenute a partire dalla data di presentazione della domanda. Sono inoltre ammissibili spese già sostenute prima della presentazione della domanda per un importo complessivo non superiore al 20% del costo totale del progetto.

Gli interventi agevolati dovranno concludersi entro il termine perentorio di 12 mesi decorrenti dalla data di esecutività dell'atto di concessione del contributo (termine finale di ammissibilità).

Entità del contributo
L'agevolazione prevista consiste in un contributo in conto capitale, corrispondente al 60% della spesa ritenuta ammissibile.

Saranno esclusi i progetti con spesa ritenuta ammissibile dalla Regione inferiore a € 75.000,00.

Il contributo concedibile non potrà, in ogni caso, superare l'importo di € 100.000,00 per progetto.

Oltre alla percentuale di contributo ordinaria sopra indicata, e fermo restando il limite massimo di € 150.000,00, è prevista una maggiorazione del contributo pari al 10% per i progetti che prevedono alla loro conclusione un incremento di dipendenti assunti a tempo indeterminato (con contratti a tempo pieno o a tempo parziale per almeno l'80% del tempo) pari ad almeno 3 unità rispetto a quelle in organico al momento della presentazione della domanda.

Il contributo viene concesso secondo il regolamento "de minimis".

Modalità e termini per la presentazione della domanda
Le domande possono essere presentate a partire dal 01/10/2014 fino al 31/03/2015 (bando a sportello).

La Regione Emilia-Romagna si riserva la facoltà di sospendere o chiudere anticipatamente la procedura di presentazione delle domande a fronte di esaurimento delle risorse disponibili.

Progetto per lo sviluppo delle reti d'impresa di CNA Bologna
Powered by Adon